Come Risparmiare Facendo la Spesa

Quante volte ti è capitato di recarti al supermercato e prendere ciò che più ti piace, ma di rimanere delusa quando andando a pagare ti rendi conto di aver speso più del previsto? Vorresti imparare a fare la spesa in modo saggio e intelligente? Segui questa guida.

Per fare la spesa evitando di spendere troppi soldi e di comprare cose che in realtà non ci servono o che poi butteremo è fondamentale fare prima una lista a casa di ciò che davvero ci serve e di ciò che manca nel frigorifero, così non rischieremo di prendere un pò di tutto e di spendere più di quanto realmente possiamo permetterci.

Cercate di prendere in considerazione i supermercati dove si fanno sconti particolari, tipo 3×2 e approfittate di questi sconti soprattutto se si tratta di cose che non possono scadere in breve tempo come detersivi, tovaglioli o carta igienica. In questo caso le marche offrono, più o meno, tutte le stesse caratteristiche.

Quando, invece, si parla di alimenti la situazione è diversa. Dare sempre maggiore importanza alla qualità delle cose che si mangiano. Cercate di comprare, ad esempio, frutta e verdura di stagione: questo vi aiuterà a risparmiare. Evitare le insalate già lavate in busta visto che acquistandole da pulire risparmierete.

Come Scegliere il Posto Giusto per Realizzare l’Enoteca di Casa

Nella guida di seguito sono riportati alcuni consigli e suggerimenti per la realizzazione di una enoteca in casa. In particolare, sulla posizione, la temperatura e la situazione ideale da creare per avere una enoteca idonea alla salvaguardia della vostra scorta di vino.

Scegliete l’ubicazione da dare alla vostra enoteca, preferibilmente (e necessariamente) esponendola verso Nord. Sarebbe meglio realizzarla (se l’avete), in locali interrati (le tipiche cantine). Ad ogni modo, dovrete realizzarla lontano dal riscaldamento della casa o da qualsiasi altra fonte di calore che danneggerebbe il vostro vino.

Per quanto riguarda la temperatura, cercate di mantenere sempre relativamente bassa e costante: la temperatura ideale è di 12-18°C. Inoltre fate date il giusto peso a un certo tasso di umidità (almeno il 40-60%). Un ambiente troppo umido causerebbe la formazione di muffa, mentre troppo asciutto, asciugherebbe i tappi di sughero e di conseguenza, il sapore del vostro vino si altererebbe inevitabilmente.

Lasciate riposare il vostro vino sempre sotto la penombra: la luce diretta provocherebbe alterazioni nel sapore. Le bottiglie dovrebbero essere conservate in portabottiglie per il vino adatti, in modo da avere la giusta inclinazione. L’ideale sarebbe creare una piccola finestrella in cui la luce venga filtrata da una tenda abbastanza pesante. Risulta essere sempre consigliabile adoperare l’enoteca solo ed esclusivamente per il vino: eventuali conserve, salumi e formaggi, influenzerebbero il sapore del vino.

Come Risparmiare Carburante Guidando

Un utile riepilogo per risparmiare benzina o gasolio durante la guida, specialmente in questi ultimi periodi dove il prezzo del carburante è andato alle stelle. Torna utile conoscere alcuni consigli su come consumare meno e di conseguenza inquinare meno.

Passa alla marcia superiore. Tirare le marce per avere max. accelerazione può costarti molto caro quando fai rifornimento. Al momento opportuno scegli sempre di passare alla marcia superiore
Evita le partenze da gran premio. In questa fase il consumo di carburante è molto elevato. Le partenze migliori sono il risultato di un gioco frizione-acceleratore graduale. Far andare troppo “su di giri” il motore in partenza è come buttare i propri soldi dalla finestra.

In prossimità dei semafori rossi è consigliabile decelerare fin da lontano. E’ inutile fare la corsa per arrivare prima allo stop. Rallentando nel tratto di avvicinamento al semaforo potreste giungere all’incrocio col segnale verde evitando in questo modo una costosa sosta. Lo stop-and-go cittadino è una delle principali cause del consumo di carburante.

Tenere aperti i finestrini o il tettuccio apribile nei tratti extra-urbani agisce anche come effetto frenante per l’automobile, spingendo in alto il consumo di carburante. Aprili soltanto per il tempo necessario al ricambio dell’aria nell’abitacolo.
Il climatizzatore dell’automobile non è gratuito. Il suo utilizzo può comportare una maggiorazione del 20% nei consumi. Usalo con moderazione e soltanto quando è necessario. Impostare il climatizzatore a temperature troppo basse accresce il consumo in modo esponenziale. In città spegnetelo ed aprite il finestrino.

Come Funzionano le Confezionatrici Verticali

La confezionatrice verticale è un macchinario che avvolge il prodotto in un tubo sigillandolo. Il nastro di confezionamento viene termosaldato in modo da formare un tubo, al suo interno viene caricato il prodotto da un sistema di dosaggio ed infine il tubo viene saldato e tagliato formando singole buste di prodotto, come ad esempio detersivi, patatine ecc.

Il materiale termosaldabile che costituisce l’involucro è principalmente polipropilene (PP) o polietilene (PE), spesso abbinato ad altri materiali come carta o tessuto non tessuto. I punti caratteristici della confezionatrice verticale sono:
-Alimentazione per caduta
Composta da sistemi di dosaggio come dosatori a tazze, dosatori a coclea o pesatrici.
-Sistemi di termosaldatura
I più comunemente usati sono le barre a caldo o a impulso. Il macchinario opera tre saldature: verticale(che chiude la struttura a tubo), orizzontale inferiore(fondo della busta) e orizzontale superiore (chiusura della busta, nonché fondo della busta successiva). Le barre a caldo funzionano quindi in modo simile a quelle che si trovano nelle macchine per sottovuoto domestiche.

Per scegliere la confezionatrice giusta è necessario considerare alcuni aspetti.
Per iniziare, le funzionalità integrate possono fare la differenza, possiamo infatti trovare modelli con la possibilità di pesare, confezionare e aggiungere etichette a diverse tipologie di prodotti senza alcuna fatica.
Bisogna poi considerare le dimensioni del dispositivo, che devono essere adeguate agli spazi disponibili all’interno di una determinata area aziendale.

La flessibilità è un altro aspetto da valutare, cioè la possibilità di utilizzare una singola macchina per numerosi prodotti in tutta tranquillità.
Infine, l’etichettatura deve essere curata nei minimi particolari da macchinari così sofisticati, con tecnologie di ultima generazione.

Come Preparare uno Scrub Naturale

In questa guida spieghiamo come preparare uno scrub naturale.

Occorrente
2 cucchiai di farina di mais
acqua aromatica di rose
la polpa di una pesca molto matura

Preparazione
Per avere una pelle di pesca, morbida da accarezzare, affidatevi a questi succosissimi frutti estivi, protagonisti di uno scrub esfoliante e nutriente. Se nella vostra fruttiera c’è una pesca troppo matura, invece di buttarla nell’organico, trasformatela in un insuperabile nutrimento per la vostra pelle.

La leggera azione esfoliante della farina di mais sul viso vi regalerà una pelle più liscia, purificata e luminosa, perché grazie al suo potere leggermente abrasivo, è in grado di liberare la pelle da impurità, eliminando le cellule morte. La polpa della pesca apporta nutrimento e idratazione oltre a vitamine fondamentali per la bellezza della pelle. L’acqua aromatica di rose, ottenuta dall’idrolisi residua dalla fabbricazione del suo olio essenziale, è rinomata per le sue da sempre proprietà apprezzatissime che contrastano l’invecchiamento cutaneo e servirà come tonico idratante. Se avete bisogno di far sparire antiestetici punti neri o avete una pelle particolarmente asfittica, ripetete questo trattamento settimanalmente.

Mescolate in una ciotolina un cucchiaio di farina di mais aggiungendo dell’acqua aromatica di rose lentamente e la polpa di una pesca frullata fino a ottenere una pasta.
Lavate accuratamente il viso con acqua tiepida e sapone neutro lasciando appena asciugare la pelle all’aria. Poi applicate con movimenti lenti e circolari dei polpastrelli la crema profumata sulla pelle umida, evitando il contorno occhi e insistendo delicatamente sui punti critici come il naso, il mento e la fronte. Risciacquate bene con acqua tiepida e applicate ancora uno spruzzo di acqua di rose come tonico finale.
Completate il trattamento applicando la vostra crema per il viso abituale.